Print

Siamo andati in Friuli per Scoprire le nostre radici.

Congresso 2014 LogoSiamo andati in Friuli per Scoprire le nostre radici.

Dal 23 al 27 luglio, 95 Canadesi percorsero il Friuli scoprendo le loro radici e celebrando un importante tapa della storia della Friulanità canadese. C’erano nonni, figli e nipoti, molti di loro in Friuli per prima volta; tutti venuti per arricchirsi della storia, la cultura e la vita friulana, per ritornare alla loro fonte, alle loro origini, e scoprire il “matrix” delle loro famiglie.

Come sapete, sin dall’inizio della fondazione, la Federazione aveva previsto che dovuto alla vasta estensione del paese, si sarebbe organizzato congressi biennali.  Ed è così che dall’anno di fondazione, la Federazione ogni due anni ha organizzato un Congresso di Friulani del Canada in città canadesi dove ci sono Fogolârs o Fameis.

Nel passato ci fu solo un’eccezione a questa regola; nel 1981, il Congresso biennale si organizzò in Friuli.  Ne rende testimonianza di questo evento la presenza di un “Totem Pole canadese” in via San Daniele, Udine.

Congresso Fogolârs 2014 e celebrazioni del 40mo Anniversario della Federazione dei Fogolârs del Canada.

Nel luglio 2014, dopo 20 Congressi, numerose attività culturali, corsi di lingua friulana, mostre ambulanti, celebrazioni del 3 aprile, raccolte fondi e numerosissime altre manifestazioni organizzate dalla Federazione, si decise di ritornare in Friuli per ritornare alla fonte, non solo per allestire il Congresso, versione 2014, ma anche per celebrare il 40mo Anniversario di fondazione della Federazione.

Ed è cosi che quest’estate La Federazione dei Fogolârs del Canada portò in Friuli famiglie di Friulani canadesi.  Molti di loro esempi delle nuove generazioni di Friulani canadesi. Cioè, quelli che rappresentano l’avvenire della friulanità del paese, tutto sotto la rubrica “Scuviarzi Lis Nestris Lidris”.  

Come spiegò Presidente della Federazione durante la conferenza stampa di apertura, “Ritorniamo in Friuli per scoprire chi siamo, da dove veniamo e per capire quali furono i valori dei nostri padri e dei nostri nonni. Organizziamo questo convegno nella certezza che questo darà l’opportunità ai più giovani, non solo di scoprire il Friuli dei loro padri e nonni, ma anche scoprire di un Friuli moderno e dinamico”.

Per di più, la Federazione consapevole del bisogno di un cambio generazionale, ha consegnato ai giovani la responsabilità di organizzare questa grandissima manifestazione, perché a nostro parere, queste attività sono concreti banchi di prova delle loro abilità.  Siamo lieti di osservare che durante queste attività in Friuli, essi hanno fornito la prova concreta che sono disposti e preparati ad accettare l’auspicato ricambio generazionale. Carissimi, siamo alle soglie del passaggio delle redini ai futuri leaders della comunità friulana del Canada. Siamo venuti a cercare il nostro passato in Friuli perché sapendo da dove veniamo, possiamo marcare nuove rote verso il futuro.  

Rimaniamo ottimisti nella certezza che durante i prossimi 40 anni questi giovani porteranno la nave della  nostra Federazione verso nuovi orizzonti, nuovi porti , e che continueranno ad aggiungere zocs ai Fogolârs, per far che la fiamma della nostra cultura, la nostra lingua e i nostri valori  rimanga viva in questo grande paese, il Canada.

Il Congresso ebbe inizio il 23 luglio quando i Congressisti arrivarono presso gli alberghi Astoria e Hotel Friuli, dove si alloggiarono tutti i partecipanti.  Durante la serata del 23 luglio, amici e  famiglie s’incontrarono nell’ Hotel Friuli per l’ iscrizione e  per cogliere l’occasione d’incontrarsi. Canadesi friulani di “Mare usque ad Mare” ebbero l’occasione di scambiare saluti. Il gruppo di giovani, che furono circa il 25% dei partecipanti, in poco tempo, si riunirono per creare un gruppo compatto che durante i giorni del Congresso rimasse sempre insieme.

Seguì una fornitissima cena presso I Frati colma di allegria.  A questo punto i giovani si misero insieme e crearono un gruppo particolare deciso non solo a trovare le loro radici, ma anche di divertirsi e fare festa. Durante la tarde sera questa squadra già gironzola per Udine per divertirsi.

La cerimonia di apertura nel storico Cjisciel di Udin, ebbe luogo nella suggestiva, memorabile e solenne sala del Parlamento, gentilmente concessa ai congressisti per quest’occasione.  Il Maestro di Cerimonie, Dott. Primo di Luca, diede il via alle attività facendo appello al Presidente della Federazione del Canada, Ivano Cargnello, che sottolineò l’importanza di questo Congresso e di queste celebrazioni.  Siamo venuti per cercare le nostre radici ed è particolarmente idoneo e indicato che questo nostro pellegrinaggio abbia inizio in questa maestosa sala del nostro Parlamento. Si notò la presenza di numerose autorità regionali, provinciali, comunali e naturalmente dell’Ente Friuli nel Mondo.  Seguirono discorsi di benvenuto dalla regione:  Franco Iacop   seguiti da un  magnifico benvignût in marilenghe di Pietro Fontanini , Presidente della Provincia di Udine, Vice-Sindaco di Udine, Carlo Giacomello in rappresentanza del Sindaco Hosnell, Giovanni da Pozzo, Presidente della Camera di Commercio di Udine, Pietro Pittaro, Presidente di Friuli Nel Mondo .  Seguirono relazioni da Joe Toso, imprenditore friulano di Vancouver, Paola Codutti, Presidente del Fogolâr di Montreal, e Renzo Rigutto di Toronto, Segretario del Congresso Fogolârs 2014.

Dopo il pranzo servito dal ristorante La Contadinanza e patrocinato dalla Camera di Commercio di Udine ed i Vignetti Pittaro, i Congressisti salirono sui pullman e incominciarono il loro pellegrinaggio di auto-scoperta con l’aiuto delle informatissime guide, Claudio Beltrame e Rafaella Graselli, gentilmente offerte da Turismo FVG. Prima tapa fu un visita guidata dal Alido Gerussi, Direttore della Scuola di Mosaico in Spilimbergo.

Il viaggio continuò a San Daniele dove la  giornata si chiuse con una magnifica cena presso Il Cantinon.

La visita a Valvasone è stata piena di emozioni e sorprese come lo furono anche gli altri luoghi visitati.  Pordenone, citta di origine di molti Friulani canadesi fu apprezzata da tutti. Sembra che tutti siano d’accordo che si aveva bisogno di più tempo per approfondire le visite che inclusero Aquileia, Cividale e altre citta di grandissima importanza storicoculturale.  Sarà per un'altra volta!

Particolarmente commovente è stata la cerimonia in fronte al monumento del pilota canadese,  McBride, deceduto a Venzone il giorno dopo il terremoto del 75 mentre sorvolava la regione durante le opere di recupero. Commosso, il Presidente ricordò che i militari canadesi furono dei primi ad arrivare in Friuli per aiutare nelle operazioni di salvataggio. Questo monumento ci fa pensare al nobile canto… ‘Signore delle cime, un nostro fratello hai chiesto alla montagna”.  I partecipanti, commossi e con lacrime agli occhi spontaneamente, cantarono l’inno nazionale canadese.

Dopo aver depositato una corona in onore di McBride visitarono Venzone.  Nessun congressista potrà mai dimenticare l’ospitalità di Venzone. Non c’è dubbio che a causa di questa tragedia Venzone ha una relazione molto speciale con il Canada.

I congressisti hanno anche visitato il sacrario di Redipuglia per onorare i caduti italiani posando una corona nella cima del monte sacro a nome del popolo canadese, della Federazione e di tutti i Friulani del  Canada. Si ricordò anche che molti partecipanti hanno parenti seppelliti in questo luogo sacro. La comitiva si riunì sulla cima quando scattò un temporale che sembrò sottolineare la gravità  e la solennità della cerimonia. La comitiva spontaneamente intonò l’inno italiano e quello canadese. Seguì Stellutis Alpinis che portò brividi e lacrime a molti. Sui volti dei partecipanti si mischiarono pioggia e lacrime.

Chiusura:

La chiusura del Congresso iniziò con una Messa solenne nel duomo di Codroipo celebrata da Monsignor Mazzocato e Msgr Bertuzzi e accompagnata del magnifico coro polifonico di Ruda alternati dal gruppo parrocchiale.

Dopo di questa, i congressisti e le autorità si trasferirono verso Villa Manin dove si piantò, un acero canadese per ricordare i 40 anni della  Federazione.  Seguirono i discorsi di chiusura dalle autorità ed il Presidente della Federazione. La Federazione conferì un riconoscimento speciale a Rino Pellegrina co-fondatore della Federazione e ora residente di Rigolato e un riconoscimento particolare al Dott. Primo Di Luca per il suo aiuto per questo congresso. I giovani, Vanessa Lovisa di Toronto, Evan Maltby di Oakville,  e Adrianna Aiello-Mardero di Winnipeg fecero delle relazioni dando un resoconto delle loro esperienze del loro viaggio in Friuli.  Non c’è stato alcun dubbio che tutti ritornavano in Canada sodisfatti di aver scoperto le loro radici.

Durante l’elegante rinfresco servito a Villa Manin si esibì la Banda di Bertiolo. Questa fu seguita da un magnifico repertorio di brani musicali offerti dal Coro di Ruda sotto la bacchetta del Maestro Fabiana Nolo.

Il pranzo formale di chiusura fu allietato dal gruppo Trigeminus che ha generosamente offerto un show preparato appositamente per il pubblico canadese.

 

 

In conclusione, dire che il congresso è stato un successo è come si dice in inglese un “Understatement”. Il sucesso è stato al di la di ogni aspettativa. Abbiamo ricevuto solo due critiche:  C’era troppo prosciutto e il congresso doveva essere piu’ lungo.

Questo magnifico congresso è celebrazioni state organizzate e coordinate interamente dal comitato Fogolârs 2014:  Ivano Cargnello Presidente, Primo di Luca, Co-Presidente e coordinatore in loco, Joe Toso Tesoriere, Renzo Rigutto, segretario, Paola Codutti, direttore di logistica alberghiera, AnnaMaria Topazzini, Fausto Volpatti,e Roberto Bressan.

Gli organizzatori hanno ringraziato la Regione Friuli Venezia Giulia, Friuli nel Mondo, Camera di Comercio di Udine, comune di Udine, Preovincia di Udine , Scuola di Mosaico di Spilimbergo, La Provincia di Pordenone, Comuni di Pordenone, Venzone, Valvasone e di Codroipo. Il vescovo di Codroipo e arcivescovo di Udine e Villa Manin, il Coro di Ruda, La banda di Bertiolo.

Sponsors Canadesi: Un particolar ben meritato grazie va ai tre sponsors Canadesi:  Signor Enrico Da Ronco di Montreal, famiglia di Gianni Rigutto di Toronto e la Famiglia di Joe Toso di Vancouver.

S.F